Tre App gratis che NON DEVONO MANCARE sul tuo Telefono Smartphone Android

Tre App gratis che NON DEVONO MANCARE sul tuo Telefono Smartphone Android

Telefono Android? Queste tre App Gratis NON devono mancare. Scaricale subito, è Gratis

tre app gratis che non devono mancare
Screenshot App Android

Oramai da qualche anno i telefonini col sistema operativo del robottino verde, Android, di casa Google è presente nel quasi 50% di smartphone venduti, ma noi tutti scaricando app sia dal market ufficiale di casa Google, il Play Store, ma anche scaricando app da market non ufficiali o direttamente dai siti dei produttori, ci prendiamo virus o malware o spyware, che sono causa di malfunzionamenti o fonte di disagio e rallentamenti del sistema operativo  e delle prestazioni del telefono.
Proprio io, installando un software, non ho ben capito se fosse una launch, anche se ufficiale e scaricata dal Play store (Nova….n.d.r.) o la Tastiera anche quella ufficiale e scaricata dal Play store (SwiftKey….n.d.r.) oppure una calcolatrice con qualche funzione in più di quella installata di default su Android, mi sono beccato un fastidiosissimo pop-up pubblicitario degli annunci di Google, come potete anche vedere dalle foto, che ad ogni riavvio dallo stand-by del telefono o riavvio dal blocca schermo


tre app gratis che non devono mancare
le tre app gratis che non devono mancare

tre app gratis che non devono mancare
Anti-Malware

tre app gratis che non devono mancare
AdWare pannello configurazione

tre app gratis che non devono mancare
AdWare

tre app gratis che non devono mancare
Avast 

tre app gratis che non devono mancare

  1. avast! Mobile Security (potete leggere qui la mia recensione anche per Avast per pc)
  2. AdWare
  3. Malawarebytes Anti Malware Mobile
Ecco il link per scaricare le App gratis che non devono mancare sul tuo telefonino.

Scarica gratis le app AntiMalware

Frontback App Android e Ios Recensione e video in ITALIANO

Frontback App Android e Ios Recensione e video in ITALIANO

Frontback Recensione in italiano
Frontback Recensione in italiano

FRONTBACK APP PER ANDROID E IOS (APPLE – IPHONE, IPAD) 

Ecco il testo della mia recensione IN ITALIANO sul Play Store di Google. Clicca qui per scaricarla subito dal Play Store Ufficiale di Google e poi torna qui e scrivi nei commenti se ti piace

“Fantastica. Superlativa. Divertente. Nuova. Creativa. Artistica. Sociale. Quale altro aggettivo per poterla descrivere. Sul mio Samsung S4 va che è una meraviglia. Simpaticissima. Condivide le foto nei tuoi Social Network preferiti. Vedi il video della recensione sul mio Canale Youtube e leggi il mio post”

Cosa fa: permette di scattare una foto con la fotocamera anteriore e una con la fotocamera posteriore e realizza dei simpaticissimi ed artistici Selfie. 

Questa credo sia la prima recensione e video recensione di questa App eccezionale a mio avviso, che può dare anche dei risvolti artistici a molti di noi, e anche qualche fotomontaggio divertente.
Alla data di oggi, lunedi 5 maggio 2014, a giudicare dal numero dei commenti e delle recensioni sul Play Store che sono solo 8 commenti mio compreso e dalla poco se non nulla presenza di Selfie ed utenti italiani, posso affermare, smentitemi pure, che l’app sia appena arrivata in Italia e per nulla presente per ora, se non dalla mia pubblicazione dei primi selfie sul mio profilo Facebook.

Da scrivere c’è tanto e non so neppure da dove cominciare, certo che io non ho il blocco dello scrittore, e a scuola avevo 5 in italiano e non mi piaceva scrivere, genio incompreso…..
Partiamo subito dai difetti, che sono pochi e così finiamo subito:

  • Manca la lingua italiana, e come scrive qualcuno nelle recensioni, “ma chissenefrega” che poi, in una risposta da parte dello staff di FontBack, comunicano che presto sarà introdotta anche la lingua italiana. Quindi, problema risolto.
  • A differenza di quelli che dicono nei commenti che non  è possibile inserire in Galleria le foto o i Selfie, come si chiamano ora, dico, che dovete andare in galleria e l’app crea una cartella dal nome “Frontback(5)” col numero di file salvati all’interno.
  •  con l’app e non è possibile utilizzare i filtri delle più ben note e blasonate app, ma infatti quella è un altra app… o no? E non è neanche possibile inserire delle cornici.
Frontback Recensione in italiano
Frontback Recensione in italiano

Pregi: sono tanti anzi tantissimi.

  • Si può scaricare sia per la piattaforma Android sia per cellulari della Apple, Iphone, Ipad.
  • E’ GRATIS!!! (E’ finanziata da CNN, Bloomberg TV, TechCrunch e The Verge! colossi delle telecomunicazioni statunitensi)
  • E’ aggiornatissima
  • a (al 29 aprile 2014)
  • E’ piccola (solo 3.18 mb)
  • Lo staff risponde subito in caso di commenti.
  • Occorre registrarsi o utilizzare un account esistente, io facilmente ho utilizzato quello di Google, ma puoi anche utilizzare quello di Facebook.
  • Puoi condividere con dei flag la condivisione sui tuoi social network preferiti. (Facebook, Twitter, Tumblr, Instagram) anche sms ed email.
  • Puoi usare gli #ashtag (#firstpost, #mashup, #whereistand, #mirrormirror,  per poi essere inserito nelle categorie di Frontback e ricercare quindi i Selfie e anche i tuoi amici con @nomeamico
  • E’ possibile ruotare le foto o i Selfie e creare simpatici effetti #mirror
  • E’ possibile mettere l’autoscatto per evitare di fare Selfie mossi.
  • E’ un App giovane per L’Italia e quindi chi ha voglia di emergere, può farlo perchè i “cuoricini” infatti  i “like” o i “cuoricini sono molto pochi non superano i 1.000 like
  • Staff Picks – Popular – Nearby – Recent – sono le sezioni per ricercare le foto.

Che dire…..  Frontback riassume in se un insieme di app e utility che va da Instagram a Flickr, ai social network più gettonati come Facebook o Twitter, perchè è possibile seguire ed essere seguiti, votare ed essere votati, condividere e udite udite, esiste la funzione di Nearby, Qui vicino, con la quale potete trovare sempre vicino a voi gli utenti utilizzatori di FrontBack. (che a tutt’oggi come già scritto sono molto pochi)
Speriamo che anche questa App non sia un fuoco di paglia come le altre app che hanno invaso lo stream dei nostri social network come Ruzzle o Quizduello, e che abbia una vita un po più lunghetta.
Quindi andate sugli store e cominciate a scaricarla, è leggera, solo qualche MB, non crasha, e vi permette di fare i Selfie migliori e artistici che voi mai possiate fare.

Frontback Recensione in italiano
Frontback Recensione in italiano

Coraggio quindi se ancora non l’hai fatto corri a scaricare questa fantastica e nuovissima app e inizia a scattare i tuoi Selfie artistici, e poi scrivi nei commenti se ti è piaciuto si o no o se hai avuto dei problemi nell’installazione o nell’utilizzo.
Se ti è piaciuto questo post condividilo con i pulsanti in basso nei tuoi social network preferiti o mandalo ai tuoi amici.

Frontback Recensione in italiano
Frontback Recensione in italiano

Come Caricare GRATIS VIDEO su YouTube, dal tuo smartphone Nokia con Windows Phone velocemente e facilmente. Recensione [APP GRATIS]

Come Caricare GRATIS VIDEO su YouTube, dal tuo smartphone Nokia con Windows Phone velocemente e facilmente. Recensione [APP GRATIS]


 **** tempo di lettura 2 minuti *** Da qualche giorno sto testando il nuovissimo Nokia Lumia 1020 inviatomi con molta sollecitudine dallo Staff Nokia Italia, in quando ho risposto, e mi sono candidato su Facebook, per il testing del nuovo prodotto di punta di casa Nokia. Nella candidatura bisognava indicare i proprio dati personali e i link ai propri social network (Flickr, Twitter, Blog, io ho messo questo, Pinterest ecc. ecc.) il form da compilare indicava i principali, ma io per eccesso di zelo, e anche un po per vanità, li ho messi quasi tutti. Mi sono subito trovato magnificamente e benissimo col Nokia 1020, io ho avuto quasi tutti i modelli in passato Nokia, in successione, e quello che mi ricordo con maggior piacere è il Nokia 6630 (Symbian), chi ha avuto il piacere di possederlo e utilizzarlo, sa a cosa mi riferisco, poi ho avuto un Nokia 5800 express Music (Symbian), poi un Samsung Galaxy W con s.o.
Android Gingerbred che è ancora il mio telefono attuale principale e nello stesso momento sto testando il Lumia 1020. Che dire….. un Abisso…… anche se il costo del Samsung Galaxy W GT-I8150 è intorno ai 300.00 euro, ed il Lumia 1020 intorno ai 600.00, il doppio, il confronto non regge minimamente. Detto questo, mi sono accorto subito che nonostante le migliaia e migliaia di app ufficiali di Nokia e Youtube e non ufficiali, mancasse la possibilità di caricare direttamente i video girati col proprio smartphone direttamente sul vostro canale di Youtube. Ma come è possibile che non sia possibile caricare attraverso l’app ufficiale fornita da Youtube stesso, il caricamento dei video? La risposta è semplice, a causa della diatriba / concorrenza tra i due colossi Microsoft / Windows Phone e Google/Android/Youtube e della concorrenza e supremezia tra i due sistemi operativi per dispositivi mobili. E’ ovvio che le due case si facciano i dispetti tra loro.
In questo post vi dirò come poter caricare facilmente e velocemente e GRATIS E SENZA SCARICARE NESSUNA APP DA NESSUN STORE I VIDEO CHE GIRATE COL VOSTRO TELEFONO , equipaggiato con sistema operativo Windows Mobile , qualsiasi versione, su YOUTUBE ,e invece vi rimando alla lettura della recensione completa del 1020 in questo post qui: (lo devo ancora scrivere, torna a trovarmi tra qualche giorno… scusa, grazie). La premessa era necessaria perchè, l’idea mi è venuta proprio dal mio vecchio e glorioso 6630 infatti al tempo, non ricordo neanche l’anno ma sto parlando di almeno 6/7/8 anni fa, non so, per caricare i video che giravo, li caricavo su YouTube, spedendomeli con una mail, come se dovessi spedire un allegato qualsiasi in una mail all’indirizzo mail che rilascia Youtube, nel vostro profilo Youtube, sarò ripetitivo, ma almeno spero, mi farò capire, dicevo sul vostro canale Youtube alla voce impostazioni. Ti dico subito che la mail ha questo formato, per arrivare subito al punto ed essere chiari, 123456789@mms.youtube.com
l’oggetto del messaggio email è il titolo che dare al vostro video, dopo Youtube, vi avviserà 2 volte,

  1. quando il vostro video sarà preso in carico con una conferma di caricamento “Conferma del caricamento di un video per cellulari:”
  2.  quando il vostro video sarà on line con il messaggio dall’oggetto: “Congratulazioni, il tuo video è su YouTube. “

Dovete salvare nel vostro client email sul telefono l’indirizzo che vi fornisce Youtube per il caricamento diretto ad esempio come indicato prima 123456789@mms.youtube.com e poi allegare al messaggio il vostro video col pulsante condividi e vostro profilo mail.
Sono stato chiaro?
Molti dicono che il caricamento sia limitato a soli 30 MB, per cui, non vi resta altra soluzione, per quelli di grosse dimensioni, di riversarlo su pc e caricarlo nel modo solito.
Per ottenere l’indirizzo dovete entrare sulle vostre impostazioni non da telefono ma in modalità desktop, cioè dal vostro pc, ripeto, non dal telefono.
Abbiate pazienza, sto preparando le foto delle schermate con le indicazioni dei passaggi da seguire, questo post è un “working progress”, per cui per tenervi aggiornati sulle novità del caricamento dei vostri video su Youtube col vostro telefono windows Phone, iscrivetevi al blog col pulsante azzurro unisciti a questo sito, seguimi su Twitter @anporto, iscriviti per vedere le mie recensioni sul mio canale Youtube, e se ti è piaciuto questo articolo e lo trovi utile ed interessante condividilo nei tuoi social network preferiti, o spediscilo ai tuoi amici, e ricordati che i contenuti di questo blog, sono forniti sotto licenza Creative Commons, per cui puoi utilizzarlo gratis ma ricordati di citare la fonte da cui l’hai preso, basta un link a www.andreaportoghese.com, ciao grazie e buona lettura.
Se qualcuno di voi ha trovato una app migliore o una soluzione migliore, o se ha provato e non ci è riuscito o ci è riuscito, lo scriva nei commenti per far si che sia di aiuto anche agli altri.


I’ve lost 10 lbs using garcinia now…, try it for free [*** non è un tuo virus ***] soluzione

I’ve lost 10 lbs using garcinia now…, try it for free [*** non è un tuo virus ***] soluzione

–>

clicca per ingrandire

 *** Instant Post ****
Proprio in questi minuti, sto ricevendo decine e decine di DM (Direct messagge), messaggi diretti su Twitter dai miei follower su Twitter.
Sono le mail di Twitter.

Dopo una breve ricerca sul web e su twitter, in cui puoi vedere le immagini, ti posso dire che tu che lo hai ricevuto, non hai nulla di cui aver paura, non hai nessun virus, sempre che tu non abbia cliccato sul link in fondo al messaggio.
Ora devi solo fare 2 semplici cose:

  1. cancellare i messaggi che ti sono arrivati
  2. non CLICCARE SUL LINK E SOPRATTUTTO NON INSERIRE LA TUA PASSWORD di twitter SU altri siti che non siano twitter in persona, e te ne accorgi dal lucchetto chiuso e dalla scritta https/twitter , come puoi vedere dalla foto

clicca per ingrandire

Fai sapere se anche tu hai ricevuto numerose email come me, o se a tua volta sei stato/a contagiata dal virus, te ne puoi accorgere, se nel tuo stream dei post ti risulta un post che tu non hai scritto e che comprende “I’ve lost 10 lbs using garcinia now…, try it for free “.
****** Soluzione ********
Cambia subito la tua password di Twitter e se hai autorizzato delle App, revoca subito l’autorizzazione alle App sospette, e tutto tornerà come prima.

clicca per ingrandire

–>

Showrooming.Cos’è, come si usa, chi lo usa e perchè ci fa risparmiare un sacco di soldi.

Showrooming.Cos’è, come si usa, chi lo usa e perchè ci fa risparmiare un sacco di soldi.

Tutti lo usiamo, tutti lo facciamo ma nessuno sa come si chiama.

Showrooming.

Origine del nome.

In Italia credo cha a tutt’oggi non esista una vera e propria definizione di showrooming. Credo sia nata da showroom, che dalla definizione di Wikipedia Inglese che traduco pari pari è: ” lo showroom è un grande spazio usato per esporre prodotti destinati alla vendita come ad esempio: automobili, arredamento e accessori per la casa, abbigliamento, tessuti e tappetti”.

Curiosità sugli Showroom

I più grandi e famosi showroom sono in Francia a Parigi negli Champs Elysees e nella Quinta Strada a New York. (anche se credo che ora con l’evento dei mercati arabi, Dubai e Abu Dabi forse i più grandi showroom si stiano trasferendo li, ndr.) Uno tra i più grandi show room del mondo è quello della BMW a Monaco con ben 73.000!!! metri quadrati di esposizione.
E’ il nuovo fenomeno per l’Italia del 2013 di un fenomeno che ha solo qualche anno.
E’ nato come definizione negli Stati Uniti nel 2012, ad opera di Wikipedia, ma già dal precedente anno, nel 2011 i giornali, Wall Street Giournal e New York Times iniziavano ad utilizzarlo come fenomeno, quando tantissimi entravano nelle librerie ed uscivano senza acquistare alcun che.
Da questo momento in poi gli studi di ricerca hanno iniziato a studiare il fenomeno.
In pratica.
E’ una cosa che facciamo tutti o quasi tutti, quelli che hanno in tasca uno smartphone connesso ad internet, la ricerca avviene già prima di uscire di casa, o col telefono o col proprio pc, tramite quei siti specializzati di confronto prezzi, ipotizziamo uno scenario: ragazza che voglia acquistare una borsa o un accessorio o un paio di scarpe, che fa? Va su uno dei siti che offrono il confronto dei prezzi, e non sto qui ad indicarli perchè saranno oggetto di studio di altro post con le relative app sul cellulare, e cerca le scarpe di suo gradimento col relativo prezzo. Poi che fa? Si fida mica di acquistarle, cioè pagarle in anticipo e aspettare che arrivino dopo qualche giorno a casa sua senza averle provate prima?
Si reca allora nei negozi della sua città ed inizia il giro di perlustrazione per trovare la scarpa di suo interesse, la trova, la prova, la calza, ci cammina sopra, la abbina con la gonna, con la giacca, insomma, fa tutte le sue prove, vede il prezzo, fa il calcolo della convenienza, cioè, prezzo di vendita, il commerciante mi farà uno sconto? glielo chiedo? valuta la convenienza, valuta quindi prezzo dell’acquisto fisico-reale-immediato (pago, me le prendo, me le porto a casa, le indosso, senza dover aspettare il corriere per la consegna), con quello on line (sarà compreso il trasporto?) e poi decide se acquistare il prodotto dal commerciante o col canale on line. Questo è lo showrooming.

Può avvenire, ed è sempre showrooming, il fenomeno inverso, cioè, la ragazza presa da un acquisto ponderato o a da un acquisto d’impulso, vede le scarpe nella vetrina, entra, le prova, ci cammina sopra, la abbina con la gonna, con la giacca, insomma, fa tutte le sue prove, e oplà, che fa? Si collega su internet, e con una brevissima ricerca sui siti di confronto prezzi (quelli di cui abbiamo parlato prima) cerca il prezzo on line e se non è contenta del prezzo del commerciante, esce senza far nessun acquisto, a volte la vendita on line viene perfezionata addirittura all’interno del punto vendita tradizionale (7%).

I primi che hanno fiutato l’affare.
I primi che anno fiutato l’affare sono stati Amazon e Ebay, i due colossi delle vendite on line, i quali hanno sviluppato app per smarthone, che attraverso l’utilizzo di lettori di codice a barre, eseguono il controllo ed il confronto dei prezzi on line. Ma facciamo un passo indietro.
Da una ricerca promossa da Saldiprivati ed ePrice due siti e-commerce di proprietà di Banzai, è emerso che l’88% utilizza regolarmente questo sistema in fase di acquisto di prodotti dentro al negozio.
E mi riesce proprio difficile pensare: “Chi di noi veramente non l’ha mai fatto???” Anche inconsapevolmente, con puro spirito di risparmiare il proprio denaro. Io lo faccio anche quando a fare la spesa nei super market della grande distribuzione e devo comprare ad esempio bottiglio di vino di un certo costo, cerco on line il prezzo medio della bottiglia di vino a cui sono interessato, ma anche per scarpe, detersivi, pannolini per bambini (abbiamo una bella bimba di 2 anni), profumeria alta e bassa, deodoranti bagni schiuma rasoi, ecc. Vabbè lo confesso io eccedo un po forse anche per deformazione professionale, per provare le varie app.

Per fare lo showrooming bisogna padroneggiare un po con la tecnologia del nostro cellulare, alcune app, come spesso accade con la lettura del codice a barre dei cartellini dei prezzi mediante alcune app, di cui vi parlerò in seguito, per questa ragione è in testa la tecnologia  52%, cui segue al secondo posto l’abbigliamento col 36%, e 33% gli  elettrodomestici  ma via via si è diffuso in tutti i settori, compresi, oltre a quello già citato dei libri e degli  accessori e dei viaggi.

Pericoli
Il pericolo, che vedo io, unico a mio avviso, per chi fa lo showrooming è quello derivato dall’acquisto on line e dal relativo pagamento on line, quando anche non è previsto un altro sistema di pagamento alla consegna tipo il contrassegno, che però solitamente le aziende si fanno pagare sempre un po di più rispetto agli altri sistemi. Altro pericolo, il furto o mancato arrivo dell’acquisto, la mancata corrispondenza dell’articolo, colori, taglie, modello, ecc.

Risultati
I piccoli esercizi commerciale, saranno destinati a scomparire per 2 motivi, 1) il continuo aumentare in percentuale della popolazione dell’utilizzo degli smartphone sempre connessi alla rete e quindi con la possibilità di fare showrooming 2)il piccolo negoziante non ha la capacità di contrastare le grandissime catene di vendita sia on line che quelle che hanno il canale sia on line che fisico, faccio riferimento alle catene di elettronica, MediaWorld, Euronics, in cui a volte, proprio per sconfiggere il fenomeno del shoowrooming mettono in vendita prodotti diversi tra le offerte on line-off line, o prodotti personalizzati, tecniche che il piccolo negoziante invece non può sopportare, proprio in virtù del fatto della sua piccola dimensione, la quale non gli permette di avere degli articoli personalizzati solo per lui.
Conseguenze
Le conseguenze saranno che sempre molte più persone utilizzeranno questo sistema per risparmiare sui loro acquisti col metodo del showrooming, e i commercianti fisici, saranno costretti sempre di più a porre in atto delle stratagie di cui parleremo per cercare di sopravvivvere alla concorrenza on line, pena la loro morte commerciale. Non piacerebbe a nessuno essere trattato come un semplice Catalogo reale, per poi concludere l’acquisto al di fuori del negozio in cui abbiamo provato le scarpe, o la giacca, o abbinato il colore di quel particolare accessorio al vestito da acquistare o viceversa.

Perchè mi ha interessato.
Mi ha interessato ed ho voluto documentarmi e scrivere perchè è un fenomeno che sta cambiamento in modo radicale gli usi ed i costumi dei consumatori, e che i commercianti, se non si adeguano, si troveranno spiazzati e sbaragliati da una concorrenza che saprà meglio apprezzare e conoscere il fenomeno dello showrooming.

Consigli per i commercianti
Indicazione del doppio cartellino,con l’indicazione del costo del  prodotto separato dal costo del servizio, ad esempio: Scarpe 100.00 euro, 75.00 euro costo scarpe 25.00 euro costo servizio (prova numero, camerino, sostituzione ecc.). Carta Fedelta: utilizzo delle carta fedeltà ed incremento di punti e/o sconti nel caso di acquisto.(potete leggere in questo post l’utilizzo delle card raccogli punti o fidelity).
Questo che sto per dirvi è molto importante, dato che tantissimi che fanno showrooming lo fanno 1) per il prezzo, 2) per leggere recensioni sull’articolo on line da parte di altri utilizzatori o sui punti vendita 3)per scoprire orari di apertura e indirizzi dei negozi fisici, per cui dicevo, tra le cause per cui si fa showrooming, vi è anche la lettura delle recensioni sull’articolo, perchè non sfruttare a proprio vantaggio il fenomeo showrooming? Mi spiego meglio: l’esercente dovrebbe avere un sito, una pagina su un Social Network, io consiglio Facebook, per la pervasività dei propri iscritti, quasi tutti sono iscritti su FB, anche mia mamma, un blog, un account su Twitter o qualsiasi altro social network, anche di nicchia, in cui poter FAR condividere dal proprio cliente la propria realta ed esperienza di acquisto, in cambio di ad esempio, uno sconto extra, un regalo accessorio, una estensione di garanzia, insomma qualcosa che venga valutato positivamente dal cliente e che in cambio gli consenta di condividere sui propri social network l’esperienza di aquisto, di modo che, il prossimo che farà showrooming vedrà già le recensioni degli altri acquirenti contenti e non avrà dubbi a concludere l’acquisto nel negozio fisico anche a fronte di spendere qualche decina di euro in più.

Spero che questo post sia stato di vostro gradimento, se vi è piaciuto condividetelo e fatelo conoscere ai vostri amici-contatti, e comunicatemi le vostre esperienze di showrooming, così da far diventare questo post, la più grande raccolta di esperienze, positive e negative di questo fenomeno che si sta delineando in Italia dal 2013.

Se invece siete dei commercianti e volete delle tecniche di marketing tecnologico per combattere nel vostro punto vendita il fenomeno del showrooming, con vari sistemi tra cui quello della raccolta punti, o della presenza qualificati sui social network con tecniche di merketing e di recensione, particormente studiate per la vostra tipologia di commercio, contattatemi, sarò ben lieto di offrire al mia consulenza ed esperienza.
Buona navigazione a tutti