Quali sono i motivi che ancora ti fanno dubitare per cambiare l’Enel?

Quali sono i motivi che ancora ti fanno dubitare per cambiare l’Enel?

Passare da Enel Servizio Elettrico Nazionale Maggior Tutela ad un fornitore di energia elettrica nel mercato libero, è la cosa più facile del mondo.

Perchè ancora non hai cambiato L'Enel?

Ecco quali sono i siti con maggiore visita sui comparatori di offerte energia elettrica

alla domanda: Generalmente come si informa sulle offerte di energia elettrica e gas disponibili nel mercato?

E utilizza siti internet che permettono di confrontare le offerte tra i diversi fornitori?  E quali siti internet di confronto tariffe utilizza?

  • Facile.it
  • Segugio.it
  • Altroconsumo
  • SOS Tariffe
  • Portale Offerte dell’Autorità
  • Comparasemplice.it
  • abbasselebollette.it
  • SuperMoney
  • Energiachiara.it
  • MyBest.it

Ecco i MOTIVI di NO SWITCH

alla domanda: “Lei mi ha detto di non aver mai cambiato contratto o fornitore di energia. Per quale motivo non lo ha fatto?” hanno risposto:

  1. Mi trovo bene con il fornitore attuale
  2. Ho paura di avere esperienze negative con altri operatori
  3. Non mi sono chiari i vantaggi di cambiare fornitore o contratto
  4. Non ho certezza dei prezzi nel mercato libero
  5. Non ho certezza della qualità del servizio
  6. Non ho fiducia nei fornitori del mercato libero
  7. Non ho tempo per cercare offerte più convenienti
  8. Trovo complicato scegliere un fornitore nel mercato libero/ cercare informazioni chiare su altre offerte od operatori
  9. Non ho ancora deciso/ sto valutando le offerte
  10. Il processo di switching mi sembra lungo/complesso

Da dove hai preso le informazioni per il passaggio da Enel al Mercato Libero?

alla domanda: “Nel corso degli ultimi 3 mesi, si é informato sul mercato libero o la liberalizzazione del mercato dell’energia?”

e “Quale canale ha utilizzato per raccogliere le informazioni sul mercato libero dell’energia?”

hanno risposto:

  • In internet
  • Conversazioni con parenti o amici
  • Televisione o radio (ad es., telegiornale)
  • Call center
  • Presso sportelli/uffici/negozi dei fornitori
  • Giornale quotidiano/rivista
  • Informative ricevute via posta    ==> Di che tipo di informazioni si trattava? hanno risposto: 50% Pubblicità del proprio fornitore ✓ 25% Pubblicità di un fornitore diverso dal proprio ✓ 15% Comunicazioni dell’Autorità in bolletta ✓ 10% Non sa/Non ricorda
  • Agenti porta a porta

Cosa pensano in molti, ma non è così!

  • Molti pensano che al momento del cambio di fornitore di energia elettrica, cioè per passare da Enel ad un fornitore del mercato libero (Illumia, chiama 0707737944 o passa a Cagliari in piazza de Esquivel 8) , ci sia interruzione della fornitura, disagi, distacchi. Ma non è così
  • Molti pensano cha al momento del passaggio dal passaggio dal vecchio fornitore Enel al nuovo fornitore Illumia, si debba cambiare o sostituire il contatore.
  • Molti pensano, ma non è così, che in caso di guasto alla linea elettrica ed al contatore si abbiano dei problemi, ripeto, non è vero, il numero da fare e da chiamare anche da cellulare in caso di assistenza per guasti e malfunzionamenti è sempre lo stesso per Enel e per tutti gli Altri Gestori e Fornitori di energia elettrica nel mercato libero:

tratto da https://www.e-distribuzione.it/it/numero-verde-assistenza-clienti.html

803.500 risponde ad ogni tua esigenza

Il numero verde utilizzato fino ad oggi per segnalare un guasto o un pericolo, è attivo anche per rispondere a tutte le richieste di informazioni relative a servizi e pratiche di competenza del Distributore.

Il numero gratuito sia da rete fissa che da cellulare è attivo 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno per segnalare un pericolo, un guasto sulla fornitura o per avere informazioni su guasti già segnalati, sui lavori programmati o sul piano PESSE.

Per tutte le altre esigenze relative a servizi e pratiche, i nostri operatori rispondono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13.

Puoi ricevere inoltre tante informazioni utilizzando i nostri servizi automatici, disponibili h24, 7 giorni su 7.

Se invece ti trovi all’estero puoi contattarci al numero 0291155155. 

 Da dove ho scaricato e preso la ricerca

Ecco il link al collegamento del documento (lo so, link e collegamento vogliono dire la stessa cosa, ma non tutti lo sanno, e io voglio essere il più chiaro e preciso possibile)  https://www.arera.it/allegati/eventi/190220_indagine.pdf attraverso il quale puoi scaricare e stampare la ricerca fatta dall’Arera e che mensiono nel video.

Bollette Pazze!

Bollette Pazze!

Bollette Pazze: Una storia di liberalizzazione mercato energia elettrica

Ciao a tutti, sono Andrea Portoghese, e grazie per il tempo che dedicherai, leggendo questo post, occorrono circa 5 minuti… Quindi mettiti comodo e inizia la lettura, e scrivimi poi nei commenti cosa ne pensi…

Mi occupo da sempre di Internet, telefonia, energia elettrica e di divulgare la massima conoscenza in tutti questi settori.

Potete leggere i miei articoli qui Cagliari: Liberalizzazione Mercato Energia Elettrica.

In questo post voglio parlarvi di una scelta, che influenzerà notevolmente le vostre vite.

Sono sicuro che tutti voi, prima o poi, avete fatto una serie di scelte nella vostra vita, che vi hanno portato un una direzione invece di un’altra.

Non ci credete?

Beh, per esempio:

1. “Ormai sei grande, quale istituto superiore vuoi frequentare?” La scuola è una delle nostre prime scelte. Se avessi scelto il Liceo Classico invece dell’ITIS adesso dove sarei? Starei comunque scrivendo questo libro?

2. “Sono bravo a giocare a calcio, potrei tentare la carriera da professionista, ma ho paura di lasciare il lavoro.” Che fare, scegliere la passione e il rischio di un fallimento, ma senza il rimpianto di non averci provato, oppure restare tranquillo scegliendo l’uovo oggi invece della gallina domani?

3. “Vuoi essere mio amico?” Alzi la mano chi non ha mai sentito questa frase almeno una volta nella vita. Alcune delle mie passioni mi sono state trasmesse da amici, e ho vissuto alcuni dei momenti più belli della mia vita assieme ai miei amici. Ma cosa sarebbe successo se avessi risposto di no?

4. “Che bella quella ragazza, vado a parlarci?” Anche qui, ci siamo passati tutti. Qualcuno ha avuto il coraggio di provarci e adesso è fidanzato, altri sono ancora li a mangiarsi le mani per l’occasione sprecata.

Ricordo un film che mi ha affascinato molto, si chiamava “Sliding Doors”, e raccontava la storia di una donna che viveva due vite parallele, una dove riusciva a prendere la metropolitana un secondo prima che partisse, e l’altra vita dove non riesce ad entrare in tempo nel vagone.

Inutile dire che la vita della ragazza è stata incredibilmente influenzata da quell’avvenimento. In una vita torna a casa prima del previsto e scopre il tradimento del suo ragazzo, lo lascia e cambia la sua vita per sempre, nell’altro non succede nulla di tutto questo.

Quello che voglio dire in questo lunghissimo preambolo (che spero non ti abbia annoiato troppo) è che le scelte influenzano notevolmente la nostra vita e fare la scelta migliore deve essere l’obiettivo di ogni persona. Nel mio settore (telefonia, energia) le scelte che un consumatore può fare sono tantissime. Scegliere una compagnia telefonica invece di un’altra, installare la Fibra ottica oppure un sistema via etere, comprare un determinato router invece di quello base del fornitore.

La telefonia è piena di scelte, mentre l’energia elettrica ne ha meno.

Ma questo fino a una data, luglio 2020.

Luglio 2020

Cosa succederà in quel mese?

No, non ci sono i mondiali di calcio.

No, non ci saranno nuove elezioni (chissà).

No, non sarà il mese di scadenza di qualche nuova tassa.

No, non è il mese di scadenza del tuo bancomat.

La reunion di J Ax e Fedez?

Esce il nuovo iPhone?

No.

È “solo” il mese in cui inizierà la liberalizzazione mercato energia elettrica in Italia.

In sintesi, una grande, grandissima rivoluzione.

In soldoni, è tempo di fare una scelta.

Prima di proseguire con la lettura è giusto darti un quadro generale della situazione che si presenterà tra un anno.

A luglio 2020 terminerà il mercato vincolato dell’energia elettrica tenuto da Enel Servizio Elettrico. In altre parole è la liberalizzazione mercato energia elettrica in Italia che i consumatori stavano aspettando da tanti anni.

Cosa significa liberalizzazione del mercato dell’energia in Italia?

Per mercato libero si intende un mercato (in questo caso quello dell’energia elettrica), dove non esiste una posizione di monopolio e un solo fornitore al quale è obbligatorio rivolgersi per avere quel determinato servizio (erogazione dell’energia elettrica, ma può essere anche il servizio Internet, il gas, l’acqua o altri servizi).

In pratica l’utente può rivolgersi a molti fornitori e ottenere una serie di preventivi, confrontarli e scegliere quello che lo persuade di più in base al rapporto tra qualità del servizio e prezzo. Significa che ogni consumatore ha la completa libertà di scegliere da quale rifornitore stipulare il contratto e poter imporre le sue condizioni.

È finito il tempo dove solo un fornitore aveva il controllo completo del mercato e poteva stabilire i prezzi e i servizi (entro certi limiti), l’anno prossimo inizierà una vera rivoluzione che porterà notevoli vantaggi a tutte le parti in gioco:

I consumatori avranno la facoltà di scegliere il loro fornitore, godendo di tariffe più vantaggiose, servizi migliori e maggiore innovazione.

I fornitori dovranno necessariamente svecchiare i loro servizi, smettere si sedersi sugli allori e darsi da fare per convincere un consumatore a stipulare un contratto con loro. Il mercato dovrà necessariamente modificarsi, diventando più flessibile, smart e al passo con i tempi.

Il mercato dell’energia creerà molti più posti di lavoro e darà l’opportunità di arricchirsi a chi saprà approfittare del momento, parafrasando Steve Jobs “chi è folle e chi è affamato” farà successo.

La varietà di offerte distruggerà la possibilità di ogni tipo di cartello commerciale (pratica illegale dove diverse aziende fornitrici di servizi si accordano per stabilire una linea comune di prezzi, senza possibilità di ottenere sconti) tra le aziende. Le autorità di controllo appropriate vigileranno.

Ma è veramente tutto rose e fiori?

Ovviamente no, ma io sono un inguaribile ottimista e mi piace sempre vedere il bicchiere mezzo pieno, piuttosto che mezzo vuoto. La liberalizzazione mercato energia Italia è una grandissima occasione per i consumatori e per le aziende, se gestita nel modo giusto, e tra le varie operazioni che devono essere fatte è doveroso fare una corretta informazione, in modo che tutti sappiano cosa sta per succedere, fare una scelta e non ritrovarsi in situazioni spiacevoli successivamente a luglio 2019.

Prima di proseguire sono sicuro che una domanda frulla nella testa di molti di voi:

“Andrea, sei davvero in gamba, non avevo idea di questa cosa! Volevo avere un chiarimento: ma è obbligatorio passare al mercato libero?”

Beh, nessuna legge ti impone di fare questo passaggio (fino ad oggi chi è già passato al mercato libero lo ha fatto di sua spontanea volontà perché un fornitore è stato in grado di proporre un pacchetto migliore di quello attuale), ma, con la fine del mercato tutelato anche chi è ancora cliente di Enel Servizio Elettrico (quelli della bolletta nera) dovrà necessariamente passare al mercato libero e fare una scelta (che potrebbe anche tranquillamente essere quella di restare con il vecchio fornitore, dato che non è obbligatorio cambiare).

In sintesi è obbligatorio passare al mercato libero a luglio 2019 facendo una scelta su quale operatore scegliere per la fornitura dell’energia elettrica in Italia. Non scegliere metterà queste persone (come in tutti i campi della vita in cui si preferisce restare in balia degli eventi) in una posizione scomoda, con tutte le conseguenze del caso.

Ecco alcuni numeri relativi al mercato dell’energia elettrica in Italia.

Al momento ci sono circa 50.000.000 di utenze attive e di queste circa 26.000.000 sono ancora dentro al mercato tutelato di Enel. Possiamo leggere il dato in due modi: il primo è che quasi la metà degli utenti ha già scelto di passare al mercato libero (dimostrando quindi che è possibile avere delle offerte più vantaggiose e per le aziende avere profitto in questo settore), mentre dall’altro punto di vista quasi la metà dei consumatori sono rimasti con il loro vecchio fornitore.

È necessario capire come mai hanno fatto questa scelta. I motivi possono essere:

1. La loro bolletta va bene così, e non vogliono cambiare.

2. Hanno paura di essere fregati perché l’amico del cugino del magazziniere della ditta vicino casa ha avuto delle noie.

3. Non sono interessati al mercato libero e preferiscono non fare nulla.

4. Non hanno trovato delle offerte in grado di persuaderli a cambiare idea.

5. Alcuni utenti (specialmente i più anziani) non hanno la minima idea di cosa sia il mercato libero e rigettano ogni tentativo di indottrinamento, principalmente per paura di essere truffati.

6. Cambiare è un processo troppo lungo.

Beh, direi che è arrivato il momento di smontare queste credenze, non credete?

Per quanto riguarda il primo punto, beh, mi dispiace, ma dovrete per forza fare una scelta. Vi va bene quanto pagate e la qualità del servizio che ricevete per quella cifra? Benissimo, potete restare assieme a quel gestore anche dopo la fine del mercato tutelato, niente lo impedisce, ma non avere il desiderio di cambiare potrebbe mettervi in una posizione scomoda dove altre persone decideranno al posto tuo.

Le truffe purtroppo sono sempre presenti, e il mercato libero presenta ancora una serie di “zone d’ombra”, dove persone disoneste possono infilarsi (almeno fino a luglio 2020, dopo tutte le attenzioni delle autorità di controllo saranno indirizzate sul mercato libero) e truffare dei clienti ignoranti o troppo ingenui.

Non è possibile premere un pulsante e cancellare tutte le persone malvagie dal mondo, ma è possibile aumentare la conoscenza di ogni settore e fare del proprio meglio per leggere i contratti con attenzione, per evitare di finire vittima delle classiche “righine scritte piccole” contenenti delle clausole capestro ingannevoli. In ogni caso al minimo dubbio il mio consiglio è quello di chiedere assistenza alle associazioni dei consumatori.

È legittimo non essere interessati al mercato libero e preferire continuare con il solito fornitore che ci ha fornito elettricità per tutta la vita, ma è necessario capire che a ogni azione corrisponde una reazione. Non decidere implica che qualcun altro deciderà per voi, con tutte le conseguenze del caso. Le bollette aumenteranno a dismisura? Molti di voi si ritroveranno con un contratto con una compagnia peggiore di quella precedente? Il servizio peggiorerà? Problemi con i pagamenti?

È necessario fare una scelta, decidere il fornitore di nostra spontanea volontà prima di trovarci infilati in una situazione spiacevole perché non abbiamo avuto tempo, voglia o interesse di prendere una decisione. Volete evitare tutti i problemi (possibili, anzi, altamente probabili) che ho appena elencato? Allora dedicate qualche minuto del vostro tempo alla scelta del nuovo fornitore dell’energia elettrica (può essere anche il solito che avete adesso, ma la cosa importante è che siate VOI a deciderlo).

Le offerte che sono presenti nell’attuale mercati libero sono interessanti, e sono più che sicuro che diventeranno ancora più interessanti a luglio 2020. Il fatto di non avere trovato delle offerte più vantaggiose ADESSO non significa che non ce ne saranno DOMANI.

Devo però dire a tutti voi che non ci sarà un grande risparmio, perché il grosso della bolletta sono tasse, costi di servizio, accise e oneri vari. L’energia elettrica usata è la parte meno costosa della bolletta elettrica, e molti fornitori puntano sul fornire maggiori servizi, quindi sul rapporto qualità/prezzo o cercare di fare risparmiare comunque del denaro alle persone.

Le persone anziane non amano cambiare idea, e l’innovazione le spaventa, e per questo motivo che i giovani devono pensare anche al loro benessere. Pensate ai vostri nonni, non volete aiutarli a risparmiare del denaro e a non farli trovare in situazioni scomode, dove delle persone senza scrupoli possono trarne vantaggio con contratti capestro o con comportamenti non professionali? È molto importante aiutare le persone anziane a fare una scelta giusta, informandoli nel modo corretto e senza spaventarli.

Quello è compito dei giovani e spero di aver fatto la mia parte con questo post.

Non è vero che cambiare è un processo lungo e complicato.

Basterà telefonare al nuovo fornitore, comunicandogli la vostra intenzione di scegliere il loro servizio e penseranno a tutto loro.

Il contatore sarà sempre lo stesso e così anche il numero verde per le emergenze.

Sarà tutto rapido e senza nessun disagio

Imprimetevi questa data in mente: luglio 2020.

Per quella data dovrete fare una scelta, non lasciate che altre persone decidano le sorti dell’energia elettrica a casa vostra e vivete tranquilli, senza truffe o bollette pazze.

Io sono Andrea Portoghese, e spero di avervi chiarito le idee sulla liberalizzazione mercato energia Italia.

Spero di vedervi sul mio sito www.andreaportoghese.com, dove pubblicherò tutti gli aggiornamenti sul mercato libero e su tutte le nuove offerte.

Grazie mille per la lettura, e prendete sempre il controllo della vostra vita.

Andrea

Sportello Territoriale Energia Elettrica

Sportello Territoriale Energia Elettrica

Quali sono i motivi per cui un cliente di energia elettrica vuole cambiare il suo fornitore di Energia Elettrica?

A parte la legge già più volte prorogata, che farà sparire il mercato tutelato di Enel Servizio Elettrico, maggior tutela, della fine nel luglio del 2020, quali sono gli altri motivi per cui una famiglia o una azienda ha deciso e intenzione di voler cambiare il proprio attuale fornitore di energia elettrica?

Esaminiamoli uno per uno e stabiliamo quale è, secondo il mio parere, ma anche secondo una ricerca effettuata in Italia nel 2019  il principale e quello che fa la differenza.

Ecco i Punti:

  • Costo dell’Energia troppo Alto
  • Visione della Commodity Energia, come una tassa da pagare. Pagano e Stanno zitti. Sanno che è da pagare.
  • Passaggio a pannelli fotovoltaici o pannelli solari
  • Bollette Pazze
  • Mancanza di Assistenza
  • Mancanza di Fiducia nei confronti del Call Center della Compagnia Elettrica

In merito a quest’ultimo punto, ti invito a farci visita, nel miglior Sportello Territoriale di Cagliari relativo all’energia Elettrica in piazza de Esquivel 8, sotto i portici, ampio parcheggio e raggiunto dai mezzi del CTM 5/11/8/3 e nella vicinissima via Cadello, fronte parco monte claro e via Is Mirrionis e Via Campania.

Rispondiamo anche al telefono anche via Whatsapp 0707737944

Ecco cosa ci serve per toglierti il problema e passare dal miglior gestore esistente ora a Cagliari di Energia Elettrica nel mercato libero:

  1. La tua Fattura Enel col tuo numero POD che inizia con IT001E………………….
  2. Il tuo Documento identità
  3. la tua tessera Sanitaria
  4. La tua Email, per ricevere tutte le informazioni e per risparmiare 1 euro sul costo dell’invio della fattura cartacea
  5. Il tuo numero di cellulare
  6. il tuo iban per avere lo sconto di 2 euro sulla bolletta e non pagare 2 euro alle poste o al tabacchino per pagare il conto corrente postale.
  7. spedisci tutto al numero whatsapp 0707737944 o via mail a info @ andreaportoghese . com

Quindi ricapitolando, sia se tu sei un azienda, un condominio, una famiglia, una attività, una industria, e tu hai ancora Enel Servizio Elettrico Nazionale, servizio maggior tutela, mettiti subito in contatto col nostro ufficio dello Sportello Territoriale Energia Elettrica per avere tutte le informazioni necessarie per il passaggio al tuo nuovo Gestore di energia elettrica entro luglio 2020.

Cosa succede se a luglio 2020 non faccio nessun cambio?

Ancora non si sa nulla. E’ il solito pasticcio all’italiana.

Verosimilmente tutti gli oltre 20 milioni di utenti ancora col Servizio Elettrico nazionale che alla data del luglio 2020 ancora non hanno fatto una scelta, verranno messi, inseriti d’ufficio in un mercato, un segmento, chiamato mercato di salvaguardia, gestito dall’Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente leggi di più su Wikipedia

in cui, ancora non si sa nulla, si verificheranno, sempre a mio modesto parere, due scenari, eccoli:

  1. aumento alle stella del costo dell’energia elettrica per invogliare i pigri e ritardatari a fare una scelta verso il mercato libero;
  2. suddivisione degli oltre 20 milioni di utenti, privati e aziendali, pigri e ritardatari, che ancora non hanno fatto la scelta e inseriti nel mercato di salvaguardia, in gruppi di non so quanti milioni o come saranno suddivisi, e messi all’asta, venduti con un bando, a un non si sa chi gestore Energetico.

Quindi, dato che i gestori nel mercato libero sono circa 200 ma i più importanti e i primi 5 tra cui Illumia, la società che rappresento, è tra i primi 5, non si sa a chi sarai affidato o meglio affibbiato se non fai una scelta consapevole, ponderata, ragionata subito, e hai tutto il tempo per farlo adesso, e non col fiato alla gola a luglio del 2020 dopo che ti sarà arrivata il bollettone pazzo del mercato di salvaguardia o affidato ad un gestore, che non conosci e non sai neanche che condizioni ti applica.

Ho visto su Amazon che hai scritto un mini E-Book che parla proprio di questo, mi puoi dire dove posso trovarlo?

Per ora solo in esclusiva su Amazon al costo di 0,99 cent, ma se passi in ufficio da me con la tua fattura Enel o del tuo attuale gestore, te ne regalerò una copia.

[wpmoneyclick id=3862 /]

Posso Bloccare il costo per 36 mesi? Mi conviene?

Certo, e in più al solo costo di un euro al mese, ti regalo un kit con 10 lampade a risparmio energetico a led

Dove ti trovo, mi hai convinto?

mi trovi a Cagliari in piazza de Esquivel, ma scrivimi su Whatsapp al numero 0707737944 e fissiamo un appuntamento dopo che mi avrai mandato la foto della tua fattura Enel

 

 

 

 

Cagliari: Sostituzione Contatori Enel. Perchè?

Cagliari: Sostituzione Contatori Enel. Perchè?

Sempre più spesso capita se abiti o lavori a Cagliari, di vedere negli androni dei palazzi, dentro ai portoni, questi cartelli che avvisano del prossimo futuro cambiamento dei contatori dell’Enel.

Ma non era successo già qualche anno fa che Enel, entrasse nelle case e negli uffici e nelle aziende di tutti gli italiani a sostituire i vecchi contatori neri o grigi col disco, meccanici, rumorosi e non precisi, coi nuovi elettronici contatori bianchi?

La risposta è Si.

I contatori nuovi sono elettronici e tele-controllati e tele-letti e tele-gestiti a distanza dal distributore locale. I vecchi contatori locali erano facile preda di manomissione a alterazione, alcuni, dicevano negli ultimi anni ’90, che mettevano una calamita per rallentare i giri, ma io credo che si trattasse solo di leggende metropolitane.

Partiamo subito col dire che la sostituzione del contatore dell’energia elettrica non dipende dal tuo attuale fornitore, o dal tuo fornitore, quindi se tu sei Eni, Edison, Sorgenia o Illumia o Enel servizio elettrico o Enel Energia, avrai sempre la sostituzione del contatore e non saranno loro a decidere.

E perchè ancora una volta a distanza di poco tempo, stanno ancora sostituendo i contatori dell’Enel?

Ecco spiegato il motivo: —–

Sostituire contatore ha un costo?

No, la sostituzione del contatore da parte del distributore locale, nel nostro caso per Cagliari è Enel Distribuzione, leggi bene, Enel Distribuzione, non Enel Energia…..

Ho una grossa paura di fare un grosso minestrone con questo mio ultimo post, anzi ti consiglio di leggere anche tutti gli altri miei post che riguardano la liberalizzazione del mercato energia elettrica spostato dal luglio 2019 al luglio del 2020. Che trovi tutti elencati a fine pagina oppure guarda i miei video sul mio Canale YouTube.com. Ma…..

Ma vorrei parlare di un sacco di cose, ma mi limiterò solo a:

  • La paura che attanaglia il consumatore a cambiare gestore di energia elettrica
  • i tipi di tariffa che esistono
  • curiosità sul mondo dell’energia elettrica, ma dovrai avere la pazienza di leggere tutto il post fino in fondo.
  • Sai che esistono dei comparatori di offerta?

Quanti tipi di tariffe ci sono nel mercato energetico nazionale?

  1. Prezzo fisso
  2. prezzo variabile
  3. Mono-oraria
  4. A fasce orarie
  5. PUN = Prezzo unico nazionale
  6. P.L.A.C.E.T.
  7. Peak/Peak-off (solo 2 fasce orarie)

Quali sono le principali paure che attanagliano gli oltre 20.000.000 di consumatori del mercato energetico in italia, sia privati che aziende anche solo a pensare di cambiare fornitore?

  • La paura di essere fregati? Di sicuro!
  • La paura di spendere di più? Di sicuro!
  • La paura di stare senza corrente elettrica?
  • La paura di non ricevere più le bollette regolari (come succedeva all’inizio della liberalizzazione circa 20 anni fa col famoso Decreto Bersani)?

Sai come si combatte la paura?

Sai cos’è il coraggio?

La Paura si combatte con la conoscenza.

Sai qual’è il termine più ricercato su Google sia in Italia che in tutto il mondo?

In Italia è:

Come cucinare…

Come sostituire una lampadina

Come risparmiare

Come cambiare fornitore

Nel mondo invece è “How to…. ” Come fare a … termine che ha fatto la fortuna di molte trasmissione televisive e siti web e canali YouTube.

Quale scenario si aprirà per il futuro a Cagliari nel settore dell’energia elettrica?

Con l’ampio ventaglio di domanda che si aprirà a luglio del 2020 a Cagliari ci sarà una corsa sfrenata ad accaparrarsi sia i clienti che dal mercato Tutelato, quello di Enel Servizio Elettrico o Enel Maggior Tutela, quello con la fattura tutta nera, da non confondere invece con Enel Energia invece che opera già nel mercato libero ed ha la fattura colorata, sia, di accaparrarsi i venditori che prima vendevano magari frutta e verdura e non sanno neanche distinguere la differenza tra Kilowatt e Kilowattora. Tu se non lo sai, leggi la differenza qui: [GUIDA] Come NON farsi fregare nel mercato libero dell’energia elettrica.

Ripeto, temo di fare un minestrone, ora mi viene voglia di chiederti:

Sai cosa è una commodity?

ma penso che di questo ne parlerò più approfonditamente nel mio prossimo post.

Se tue sei un privato o hai una Azienda, e anche tu hai paura di cambiare fornitore, sappi che:

  • ho pubblicato un mini e-book su Amazon in versione Kindle, che trovi qui.
  • Sappi che sono uno dei massimi esperti a Cagliari, per via dei numerosi corsi e studi e seminari cui partecipo di energia elettrica.
  • Sai che ho fatto numerosi video e caricati sul mio canale YouTube che parlano di come cambiare fornitore senza fregature?
  • Sai che mi posso occupare dei problemi che tu hai col tuo attuale fornitore di energia elettrica e fare Reclami e Ricorsi all’Autorità Competente?
  • Nella mia pagina Facebook, e sul mio canale YouTube, ho raccolto una playlist di video sulle truffe in cui puoi incombere da venditori di energia elettrica spregiudicati. Ti consiglio di guardarli subito.
  • Sai che sono l’unico, per ora, a tenere un podcast che parla di liberalizzazione di mercato dell’energia elettrica in Italia
  • Sappi che mi puoi trovare a Cagliari in piazza de Esquivel 8, sotto i portici e con ampio parcheggio, anche se preferisco che tu mi chiami allo 0707737944 per fissare un appuntamento con te e dedicarti almeno in santa pace una 20ina di minuti del mio limitatissimo e preziosissimo tempo.
  • Cambiare fornitore è rapido e gratuito e avrai la mia personale assistenza vita natural durante.

Ecco le curiosità che ti avevo annunciato all’inizio del post:

  1. Sai che esiste una compagnia Elettrica nel mercato libero che è Ricaricabile? Si chiama REvoluce, ma ne parlerò nel mio prossimo post. Iscriviti alla mia newsletter per restare sempre informato su tutti i miei contenuti, video e post e podcast.
  2. Sai che esiste un servizio che ti permette di fare un Subentro in 72 ore e se non lo fanno in 72 ore il subentro è gratis?
Cagliari: Classifica dei Primi Operatori di Energia Elettrica e Gas

Cagliari: Classifica dei Primi Operatori di Energia Elettrica e Gas

Diffida sempre da coloro che si spacciano per Primi, ecco perchè!

  • Il primo che…
  • Il primo operatore Sardo
  • Il primo operatore per anziani
  • il primo operatore con l’app
  • il primo che commercializza
  • il primo con solamente energia verde
  • il primo da energie rinnovabili
  • il primo Siciliano
  • il primo Pugliese
  • il primo da pannelli fotovoltaici
  • il primo da centrali idroelettriche
  • il primo con lavoratori solo romani

insomma ognuno si ritaglia una nicchia, e ognuno è primo in casa sua.

Ho avuto la fortuna di conoscere un comico sardo Giuliano, che aveva avuto la fortuna di finire anche su Rai 1 in un programma in prima Serata di Sabato con Pippo Baudo, la sua battuta più famosa, e la sua battuta che ancora oggi mi fa ridere molto, era:

“Sono il comico più famoso!

Del mio palazzo.”

Ecco Giuliano aveva capito bene come posizionarsi.

Aveva capito bene la funziona della nicchia.

Aveva capito bene che creandosi una USP unica proposizione di vendita, lo avrebbe portato in alto, e ti posso garantire che quella battuta se la faccio, o la ascolta anche dopo decenni, mi fa sempre ridere molto.

Sono il comico più famoso. ….. Poi aspettava qualche secondo e con giusto tempismo aggiungeva….. Del mio palazzo… e la gente a ridere a ridere. Bravo Giuliano

Ecco tutto questo per raccontarti che le imprese cercano anche loro per fare breccia nel tuo cuore di proporsi come uniche, come prime.

La prima ad avere un logo tutto rosso!

Ma la proposizione di prima, fa breccia solo se sei bravo come Giuliano a fare ridere.

Per l’energia elettrica, affidati ad imprese di comprovata esperienza, professionalità, e durata negli anni, non imprese nate ieri.

Per le tue bollette di energia elettrica per casa e per la tua azienda, affidati a me.

Non sono il primo.

Sono l’unico che ti può garantire affidabilità frutto di decenni di esperienza ma soprattutto, ottime recensioni e ottima reputazione.

Ti aspetto a Cagliari con la tua bolletta dell’energia elettrica, per fare una analisi non vincolante, così ci conosciamo e ti spiego qualcosa, nel miglior negozio di energia elettrica vicino a casa tua, in piazza de Esquivel 8 a Cagliari, ampio parcheggio proprio qui di fronte, oppure chiama 0707737944.