Coupon: cosa sono, come si usano, a chi servono, come funzionano.

Coupon: cosa sono, come si usano, a chi servono, come funzionano.

Coupon detti anche buono acquisto o codici sconto, come utilizzarli per incrementare le tue vendite,  tecniche di sviluppo marketing,  piattaforma di fidelizzazione e tecniche di sviluppo commerciale.
Puoi leggere anche il post riguardo la fidelizzazione e le tecniche e gli strumenti di fidelizzazione qui.

In questo post o articolo, tratteremo sia dei coupon cartacei, che quelli digitali. I primi li trovate nelle riviste di carattere nazionale, di gossip, ma anche nelle riviste di carattere locale, ad esempio, da Cagliari, nella città nella quale io abito, vivo e lavoro, esiste un sito che si chiama Scontu, sconti in sardo, che è un grande raccoglitore di coupon cartacei di tutte le attività, ti chiedo la cortesia, se anche nella tua città o regione esiste una realtà del genere di comunicarmela o di scrivere nei commenti, al fine di rendere noto alla maggior parte della gente l’utilizzo e la diffusione dei coupon, al fine di rendere questo post il più ricco e completo post che riguarda i coupon, sia cartacei che digitali.

(il post è in continuo aggiornamento, ti consiglio di iscriverti tra i lettori del blog, cliccando sul pulsante azzurro posto a destra con la scritta “unisciti a questo sito” per avere subito notizie quando apporto news e nuovi dati e commenti al post)

Ti dico subito cosa troverai in questo post riguardo questo “nuovo” strumento di marketing e di vendita per l’Italia, ma molto vecchio per gli altri paesi:

  1. Storia, definizione
  2. Andamento
  3. Grafica
  4. Tv – Carta Stampata
  5. Università, tesi di laurea, studi.
  6. I coupon nel web, siti, google, facebook e altri…(Groupon, Groupalia, ecc. ecc.) ma prima leggete l’articolo tratto da “Altroconsumo”
  7. Coupon Mobili, i coupon sul cellulare (nuova frontiera per l’Italia, in esclusiva solo su questo blog)

se avete altri argomenti o temi che riguardano il mondo dei coupon, ad esempio se avete fatto una tesi di laurea sui coupon, non esitate a farmela avere per la pubblicazione gratuita, se invece intendete realizzare uno studio sull’utilizzo dei coupon, non esitate a chiedere l’intervento dei lettori del blog, che sono tantissimi. Siete pregati di commentare nel sito o di scrivermi in privato a andrea[at]andreaportoghese.com e se vi piace il post non dimenticatevi di condividerlo e di farlo conoscere nei vostri social network preferiti, anche con i pulsanti di condivisione posti alla fine dell’articolo.

1)La Storia, definizione: Buono acquisto
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Un buono, anche detto buono acquisto o coupon, è un biglietto o un documento che dà uno sconto ad un acquisto. I buoni acquisto sono tipicamente distribuiti via posta, riviste, giornali, o Internet.
I buoni sconto da usare su internet sono detti anche codici promozionali o promozione, promocode, voucher digitali, codici sconto, codici vantaggio, coupon sconto etc.- sono stringhe alfanumeriche – es: ABC-665-EZ-12 oppure NATALE1- emesse da negozi che effettuano la vendita online dei propri prodotti; una volta digitate nell’apposita casella dedicata loro nel carrello di un negozio online prima di un acquisto, applicano una riduzione di prezzo; essa può essere in percentuale (- 5%, 10%, 50% ecc.) oppure direttamente in denaro, ma non solo. Difatti, possono dare anche la possibilità di ricevere la spedizione gratuita della merce ordinata, oppure il diritto ad un omaggio, il tutto sempre incluso nel prezzo.[1]
Un buono sconto può necessitare un acquisto minimo per poterne usufruire – es: “Sconto del 10% a partire da 100 euro di acquisto…” Solitamente possiede una data di scadenza che può variare da poche ore, sino a qualche mese e può essere usato sia una sola volta come, nella quasi totalità dei casi, in modo illimitato.

I buoni via internet hanno assunto popolarità in tempi recenti, grazie al fatto di avere costi molto più contenuti rispetto a quelli inviati tramite i mezzi tradizionali. Recentemente, con lo stesso principio, sono nati anche i buoni via telefonia mobile, diffusi grazie alla recenti tecnologie che permettono agli utilizzatori di telefonini di collegarsi ad internet.

Le origini del marketing dei buoni si devono alla Coca Cola Company, che grazie ad un’idea di Griggs Candler distribuì numerosi buoni per la bevanda,[2] tramite posta o sulle riviste. Fu stimato che fra il 1894 ed il 1913 solo un americano su nove avesse ricevuto un buono per una coca cola, per un totale di 8 500 000 di bevande gratis.

Riporto un breve estratto di un articolo tratto da corriere e comunicazioni in cui afferma che una ricerca ha stabilito che nel 2017, quindi fra qualche anno ci sarà un aumento delle pubblicità mobile, geo-referenziata anche tramite coupon, ecco l’estratto dell’articolo:
2) Pubblicità mobile georeferenziata, boom entro il 2017
Berg Insight: il giro d’affari dell’advertisement location based destinata a crescere a un tasso del 65% all’anno nel prossimo quinquennio
di Paolo Anastasio

Il giro d’affari della pubblicità mobile location-based passerà da 526 milioni di euro nel 2012 a 6,5 miliardi di euro nel 2017, con una crescita media annua del 65%. La previsione arriva dalla società di analisi Berg Insight, secondo cui fra 5 anni il segmento dell’advertsing mobile georeferenziato rappresenterà il 32,8% del budget pubblicitario e del marketing mobile, pari al 5% della spesa pubblicitaria digitale nel suo complesso e più dell’1% della spesa pubblicitaria complessiva cross media. Fanno parte del paniere dell’advertsing mobile sms, ricerche mobili e coupon.

3)Grafica

metterò presto a disposizione gratuitamente, dei moduli, per poter realizzare graficamente e senza nessun sforzo da parte vostra i coupon per la vostra attività.

4) TV video e carta stampata. http://www.realtimetv.it/web/pazzi-per-la-spesa/

5)Università, tesi di laurea, studi. Studi e ricerche, università, withe-paper.

6)I coupon nel web. I Buoni sconto digitali
basta fare una piccola ricerca sul web utilizzando un motore di ricerca e vi accorgerete della moltitudine di risultati che
http://www.promodeal.it/
http://www.yoodeal.it/
http://www.groupon.it/
http://it.groupalia.com/
questi sono alcuni tra i più grandi siti che offrono la tecnica dei coupon per incrementare le vendite dei loro esercenti affiliati.

Cosa sono i codici sconto?

I codici sconto (detti anche codici promozionali o promozione, promocode, voucher digitali, buoni sconto, codici vantaggio, coupon riduzione etc.) sono stringhe alfanumeriche – es : ABC-665-EZ-12 oppure NATALE1- emesse dalle aziende che operano la vendita online dei propri prodotti.


Se digitate nell’apposita casella del carrello di un negozio online prima di un acquisto,applicano una riduzione di prezzo; essa può essere in percentuale (- 5%, 10%, 50% etc.) oppure direttamente in denaro, ma non solo. Difatti, un promocode può dare la anche possibilità di ricevere la spedizione gratuita della merce oppure il diritto ad un omaggio, il tutto sempre incluso nel prezzo.  

Un codice può necessitare un acquisto minimo per poterne usufruire – es: Sconto del 10% a partire da 100 Euro di acquisto… 

Le promozioni possono essere libere, cioè dedicate a tutti gli articoli presenti in catalogo, oppure solo per determinati oggetti, sempre e comunque specificati.
  
Un codice tiene solitamente una data di scadenza che può variare da poche ore, sino a qualche mese. Può essere usato sia una sola volta come, nella quasi totalità dei casi, in modoillimitato
Un buono sconto digitale può essere personale, quindi utilizzabile solo da uno specifico utente (iscritto a newsletter, cliente fisso, sconto speciale per nuovo aderente etc.) oppure di tipo libero come quelli che trovi su questo sito, cioè che possono usare tutti indistintamente.

Se hai trovato l’articolo interessante, aiutaci a sostenerlo e a migliorarlo, con una donazione tramite Paypal, è veloce, è sicuro, falla subito. Ti saremo molto grati e riporteremo il tuo nome nella pagine dei sostenitori.
7) Coupon Mobili, i coupon sul cellulare (nuova frontiera per l’Italia, in esclusiva solo su questo blog)
tratto da wikipedia inglese, scusate la traduzione

coupon per cellulari

A ‘coupon mobile’ è un biglietto elettronico e sollecitato o consegnati a un telefono cellulare che può essere scambiato per sconto finanziario o sconto per l’acquisto di prodotti o servizi. Abitualmente coupon sono emessi dai produttori di merci imballate o rivenditori di consumo, da utilizzare nei negozi al dettaglio come parte di una promozione delle vendite. Essi sono spesso distribuiti tramite WAP Push su SMS o MMS , o altri mezzi mobili. Il cliente riscatta il coupon al negozio o online. In alcuni casi cliente riscatta il coupon mobile al negozio; alcuni rivenditori in avanti il riscatto di una stanza di compensazione per la lavorazione finale.
Ciò che rende unico coupon mobili è la memoria delle informazioni nei tagliandi spesso durare oltre la data di scadenza delle cedole stesse, innescando acquisti effettivi in epoche successive.  I ricercatori sospettano che è guidato dal coinvolgimento generato dal dispositivo mobile .
Coupon mobili sono molto popolari tra i clienti di fast-food americani. I fattori di successo principali per le campagne di SMS sono dimensioni di sconto, come è inquadrato il valore dello sconto (come regalo o per cento di sconto) e la tempistica della campagna.

Love Coupon di coppia: Coupon d'Amore Vuoti da Compilare - blocchetto unico buoni Romantico - Regalo ideale per San Valentino compleanni, ... Voucher per il tuo amore, per Lui per Lei

5,99  disponibile
Amazon.it
as of 28 Febbraio 2024 7:31 pm

Caratteristiche

Is Adult Product
Language Italiano
Number Of Pages 40
Publication Date 2021-01-15T00:00:01Z

Love Coupon di coppia: Coupon d'Amore Vuoti da Compilare - blocchetto unico buoni Romantico - Regalo ideale per San Valentino compleanni, ... Voucher per il tuo amore, per Lui per Lei

6,99  disponibile
Amazon.it
as of 28 Febbraio 2024 7:31 pm

Caratteristiche

Is Adult Product
Language Italiano
Number Of Pages 40
Publication Date 2021-01-15T00:00:01Z

Come creare e Realizzare GRATIS una WEB Radio. A cosa serve, a chi serve. Temporary Radio, Radio on store, Radio Universitarie, Radio di Quartiere

Come creare e Realizzare GRATIS una WEB Radio. A cosa serve, a chi serve. Temporary Radio, Radio on store, Radio Universitarie, Radio di Quartiere


per essere sempre informati dei contenuti che io e Fabrizio Mondo, l’autore del libro di ben oltre 500 pagine, quasi una Enciclopedia, “Come Creare a Gestire una Web Radio Professionale”
Inserisco i miei dati per Ricevere i contenuti di “Come Creare e Gestire una Web Radio”


Scarica gratis l’e-book sulle web radio non ti costa nulla devi solo pagare con un tweet su Twitter o un post su Facebook.
Ti consiglio di arrivare fino alla fine, c’è un aggiornamento del 18 maggio 2015! 
**** aggiornamento di sabato 23 novembre 2013 **** Ascolta in diretta il Web RAdio Festival qui https://www.andreaportoghese.com/2013/11/web-radio-festival-ascolta-la-diretta.html
Vuoi diventare DJ della tua Radio personale gratis?
Vuoi creare la tua WEB Radio personale gratis?.
Segui queste istruzioni e ti ritroverai in men che non si dica il più esperto conoscitore e creatore e realizzatore e gestore di web radio.
******Nota bene aggiornamento di settembre 2013 il primo Festival per le web radio, iscriviti anche tu, leggi tutto l’articolo qui https://www.andreaportoghese.com/2013/09/web-radio-festival-il-primo-festival.html
******Nota Bene, modifica AGGIORNAMENTO del 06 giugno 2013 ******
ho pubblicato il terzo post riguardo alle web radio e lo puoi trovare qui, https://www.andreaportoghese.com/2013/02/web-radio-encoder-regia-automatica.html – ho pubblicato il quarto post su quale forma giuridica dare alla vostra web radio e lo puoi trovare qui, https://www.andreaportoghese.com/2013/03/come-creare-e-costituire-una.html
 ma prima leggi questo, grazie.
******Nota Bene, modifica AGGIORNAMENTO del 19 Febbraio 2013 ****** A SEGUITO DELLE NUMEROSISSIME RICHIESTE SIA VIA MAIL CHE TELEFONICHE, DOVUTE AD UNA OTTIMA INDICIZZAZIONE DI GOOGLE E ALTRI MOTORI DI RICERCA, L’ARTICOLO è POSIZIONATA TRA I PRIMI 3 RISULTATI SU GOOGLE, VI DEVO CHIEDERE QUESTE COSE, INCOLLO LA MAIL DI RISPOSTA CHE INVIO A CHI MI CHIEDE CONSULENZE IN PRIVATO VIA MAIL E TELEFONO:
Ciao Xxxxxxxx, tutte le notizie che leggi nel blog sono veritiere e allo stato attuale le notizie più aggiornate e allo stato dell’arte.Ti ringrazoi per la tua fiducia ed il tuo interesse.

  • Ti chiederei di iscriverti al blog www.andreaportoghese.com, cliccando sul pulsante azzurro “unisciti a questo sito” 
  • e di seguirmi su https://twitter.com/anporto
  • Ti chiedo ancora di condividere nel maggior e miglior modo possibile il blog e soprattutto il post della Radio, che sta riscontrando tantissimo successo, probabilmente Google lo ha indicizzato ai primissimi posti e sto ricevendo tantissime richieste, tra cui la tua. Quindi condividi nei tuoi social network (facebook, twitter, ecc. ecc) o crea link all’articolo sui tuoi siti.
  • ti chiedo ancora, ed è probabilmente la cosa più importante, di fare copia ed incolla della tua mail e di pubblicarla sul sito/post/blog, http://www.andreaportoghese.com/2012/10/come-realizzare-una-web-radio-cosa.html di modo che tutte le tue domande e i tuoi dubbi e le risposte che ti vengono date saranno utili a te e soprattutto a tutta la community degli aspiranti amanti delle web radio.
  • Fatto tutto ciò risponderò per te e per tutta la commumity nel modo più esauriente possibile alle tue domande, anche se considera che noi di mestiere facciamo i consulenti, quindi per dare consigli, ci facciamo pagare, anche per la realizzazione delle web radio, perciò dovrò stare entro certi limiti.
ti saluto ti auguro buona giornata e buon lavoro
attendo che tu compia le azioni che ti ho indicato per poterti dare una esauriente risposta.
ti saluto ciao
andrea
Ora procedete pure alla lettura dell’articolo e non dimenticate di unirvi al sito e di porre in essere le azioni indicate nei punti superiori.

SE vuoi leggere alcuni libri sulle web radio

E’ in fase di preparazione un altro articolo che riprende ed esamina dal punto di vista tecnico, (hardware e software) gli strumenti necessari per la piattaforma di una web radio, server di streaming, regia automatica o auto DJ, audio-player, encoder, mixer, microfoni, cuffie, monitor audio, jingle, musica, notiziari, programmi, ecc. ecc. lo trovate qui https://www.andreaportoghese.com/2013/02/web-radio-encoder-regia-automatica.html


In quale settore musicale, ma la  musica non è tutto, possiamo fare anche una web radio parlata, di informazioni: meteo, calcio, finanza, moda, spettacolo, cabaret, cultura, le web radio in lingua locale, in dialetto, in sardo ad esempio, o in carlofortino, o in catalano per gli algheresi, per gli immigrati.
Volendo meglio specificare si raggruppano in 4 macro aree: Amatoriali, Istituzionali, Commerciali e Creative Commons.
Posso subito fare un esempio: http://www.unicaradio.it/  La webradio degli Studenti Universitari di Cagliari. Le università sono molto presenti con le proprie radio e proprio a Cagliari si è svolto un contest di tutte le web radio universitarie mondiali.
Quello che scrivo è rivolto sia ai più smanettoni che vogliono farsi la propria web radio, smanettando e facendo le nottate per settare tutti i sistemi che servono e sono più di uno.
Eccoli qui….La regia automatica, l’encoder, il server, il sito web o blog, la musica..
La musica può essere sia d’autore, quindi con licenza SIAE e CF Consorzio Fonografici SCF (è il consorzio che gestisce in Italia la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata, come stabilito dalle direttive dell’Unione Europea e dalla legge sul diritto d’autore), che musica senza diritti, musica free, royalty-free.
Questo post vuole essere una raccolta non esaustiva, anche se poi alle mie conoscenze attuale, ingloba un po tutto il mondo delle web radio e dello streaming audio e tutto quello che si può fare con le applicazioni, i sistemi, il software, la normativa, le associazioni, i player, gli apparati per fare e  tutto quanto ruota intorno alle web radio. Diciamo è un White Paper sulle web radio.

Per chi però non volesse fare da se ma affidarsi a dei professionisti seri potete chiedere a me e avete in 24 ore la vostra web radio pronta, attiva e funzionante, con tutte i documenti a norma di legge e le autorizzazioni in regola, vedi SIAE ecc. ecc.
Ecco le categorie che potrebbero essere più interessate allo sviluppo di una web radio personalizzata anche con musica royalty free, senza diritti siae: categorie, palestre, pizzerie, locali, ristoranti, hotel, negozi, centri commerciali, centri commerciali naturali, nel campo della sanita: farmacie, parafarmacie, studi medici, nel settore del Welness, (Benessere, non capirò mai perchè devo usare la parola inglese quando c’è la parola italiana che la identifica!!!): Palestre, piscine, spa, centri di bellezza, estetiste; nei parcheggi pubblici e/o privati, quelli grandi interrati dei centri commerciali, i cinema, i piccoli negozi insomma tutti!
Per le categorie di cui sopra possono ascoltare la musica direttamente dal PC, con delle buone casse, ora se ne trovano di ottime anche a partire da 20.00, 30.00 euro, anche con effetto dolby-surround e subwoofer, o anche collegando un impianto audio di qualità all’uscita audio della scheda audio del PC con un cavo stereo, ma il PC non serve per diffondere la radio all’interno del punto vendita, perchè si può ovviare con degli apparati chiamati Audio Over IP  collegando questi apparati direttamente all’adsl
Ho ricevuto questi dati da un ragazzo, Mirko Trastus, che ha la sua web radio  e si è inventato un mestiere, va nei locali, bar, paninoteche, mette la musica e la trasmette in diretta via streaming e si fa dare qualche decina di euro dai titolari, a volte va anche lo scambio merce, gli danno dei buoni per andare a consumare, gratis nel locale in cui lavora. Potete ascoltare la sua web radio qui, radio corsaro.tk e questo è il testo che mi ha mandato:


“Creare una radio web

Per creare una web radio bisogna avere in primis una buona ADSL di alta qualità qualsiasi operatore di telefonia almeno da 8 Mb.
Il programmo per gestire tutta la musica e gli eventi da mandare in onda si chiama “regia automatica” scaricandola gratuitamente sul web. La più utile e senza bug si chiama Zara Radio dove è possibile anche scaricare la traduzione in Italiano senza problemi.
Una volta impostata la regia automatica con tutte le canzoni e gli eventi che vanno in onda passiamo al programma per poter trasmettere la web radio scaricandolo gratuitamente o a pagamento sul web “ Sam Broadcaster 4.9.2”
Per poter avere un server Shoutcast gratuito da 64Kb di Bitrate e 100 ascoltatori massimi ci rivolgiamo nel sito www.freeshoutcast.com dove registrandoci, avremo l’opportunità di avere tutti i dati che andremo ad inserire su Sam nella funzione Encoders.
Per il sito internet conviene farlo su altervista.org e poi trasferirlo gratuitamente su dot.tk ( per esempio www.radiocorsaro.tk )
Il costo di avere una radio con Licenza SIAE viene a costare 480 € compreso di IVA.”
Esistono dei siti web per creare la propria web radio il primo che ho conosciuto è http://it.1000mikes.com/home/anporto , un sito tedesco, dove potete ascoltare una mia demo, la specialità di questo canale è che si può trasmettere anche con il telefono, si avete capito benissimo, si compone un numero
+39 02 4070 8004
Italia (Milano) con un pin si accede alla piattaforma e di trasmette in diretta. Fantastico dico io!!!
Un altro sistema che ora va e si trova anche la app su Facebook è http://www.spreaker.com/.

Esistono poi dei rivenditori di Hosting che hanno delle soluzioni quasi pronte, dico quasi, per la realizzazione di web radio, ma bisogna sempre avere delle buone conoscenze di web, hosting, installazione di script, directory, cpanel, ecc. e vi sconsiglio a meno che non abbiate tanto tempo da dedicare al settaggio di tutto.
Ricapitolando: trovate altre informazioni su wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Web_radio
Vi dico subito che la prima web radio in Italia dicono che sia una web radio sarda in provincia di Cagliari, a Sinnai paese a meno di 10 km dal capoluogo Sardo, http://www.radiofusion.it/notizie/361-10-anni-di-radio-fusion

  • L’associazione delle Web Radio:

http://www.wra.it/ è la più importante con oltre 100 radio associate ma ne esistono anche altre, sia in Italia che all’estero dove il modello di web radio è molto più diffuso che da noi.
Sul sito di wra potete trovare tantissime notizie tra cui come si realizza una web radio, le bufale, la burocrazia, le faq, come costituirsi in testata giornalistica, per chi lo vuole fare ma non è obbligatorio, e tanti altre notizie utili.

  • I tipi di web radio:.

.esistono come già accennato all’inizio del post diversi tipi di possibilità e di categorie per creare una web radio e di scopi di utilizzi, ecco spiegato meglio cosa si può fare:
http://www.pixelaudio.net/temporary-indoor.html e http://www.tailoradio.it/ sono dei siti web dove a botte di decine di migliaia di euro realizzano delle web radio, temporary web radio, per degli eventi momentanei, ad esempio, una mostra, una sfilata, un evento,  la fiera degli sposi, ad esempio, la presentazione di una autovettura in una piazza cittadina, per un evento che ha una data prestabilita che può essere di qualche ora o di qualche settimana o mese. Ma vi avviso, a meno che voi non siate la Coca Cola, o MC Donald o la BMW o Dolce e Gabbana o Carrefour, dimenticate di chiedergli un preventivo se non volete essere presi da un infarto!

  • A chi sono rivolte queste web radio.

come già accennato su, alle categorie merceologiche già descritte, ma è anche indicata per i Franchising, per chi ha più negozi, catene di negozi, per chi ha più supermarket, per fare del marketing verticale, cioè, per tutti gli abitanti di un quartiere e poi essere trasmesso dai negozi, attività del quartiere, di un comune, di una parrocchia, per gli immigrati di una determinata zona (ad esempio gli immigrati sardi nel mondo), una web radio verticale può essere dedicata alla cucina, allo sport, agli animali o ai cani ed essere trasmessa nei negozi di animali o nelle toilettature, per le minoranze, cinesi di una città, handicappati, filippini, per i bambini, una radio dedicata ai viaggi, un canale web radio dedicato al volontoriato, per una associazione, per le onlus,  una web radio di solo musica sarda, perchè no, sto pensando di realizzarla, anzi è quasi on-line presto….

  • La musica royaly free:

io vi consiglio questo sito: http://www.jamendo.com/it/ è un sito che offre musica sia gratis o con la licenza per i vostri progetti ed esigenze musicali.

  • Dove l’ascolto? Anche in auto o al mare, non serve più il pc!

con le nuove tecnologie e con la diffusione degli smartphone sempre connessi e la realizzazione di APP per IPHONE e Android e Nokia si potrà ascoltare la propria web radio, o farla ascoltare se sei tu l’editore, anche senza l’utilizzo del pc, basta un telefonino connesso ad internet dal costo di qualche 100 euro…
Si stanno diffondendo anche la prime autoradio per auto con s.o. (sistema operativo) android, che se connesse alla rete potranno ricevere le trasmissioni della vostra web radio.

Spero di avervi fatto piacere leggere questo ammasso disarticolato ma credo completo di notizie riguardo le web radio, come si fanno, perchè si fanno, idee, spunti, qualcuno che si vuole lanciare nel mondo del business con una propria idea imprenditoriale, e come avete visto la web radio non è solo musica ma anche notizie, cultura, hobby interessi e tanto altro, non solo musica!
Quindi se vi è piaciuto leggere questo lungo, ma spero non noioso white paper, in un altro post spiegherò cosa sono i white paper, manuale, condividetelo nei vostri social network e ditelo ai vostri amici se non vi è piaciuto fatevi gli affari vostri e non ditelo a nessuno.
Per consulenze e preventivi circa la realizzazione delle vostra web radio potete contattarmi o commentare questo post o scrivermi a info(@)andreaportoghese . com o telefonare al cell. 338.3467128 ciauz!!!
I costi partono da qualche centinaia di euro per le soluzioni open source, entry level con soluzioni free a prezzi da concordarsi per le soluzioni professionali e performanti.
Stay Tuned questo blog e questo post è sempre un work in progress, aggiornerò spesso con nuove notizie e correggerò le vecchie, obsolete e non più veritiere, facendo come mio solito il content gardening.
Vi ricordo che questo blog è sotto forma CC quindi potete utilizzare il contenuto per i vostri scopi ma avete l’obbligo di indicare la fonte da cui avete attinto, basta anche un semplice link a questo sito, grazie.
************ Aggiornamento del 18/05/2015 ********************
Se sei arrivato fin qui è perchè sei molto interessato alla creazione e realizzazione di una Web Radio,  per cui, ti consiglio di ordinare subito da Amazon, il negozio di libri più grande e più sicuro del Mondo il libro di Fabrizio Mondo dal titolo: “ Creare e gestire una web radio professionale”.
Io l’ho già fatto e ti posso assicurare e Garantire che l’investimento monetario richiesto è di molto inferiore alla ricchezza delle informazioni e dei contenuti presenti all’interno del libro, e ti devo dire che più che un libro è proprio una enciclopedia.
Sto preparando una video intervista all’autore, Fabrizio Mondo, giovane ingegnere inventore e ideatore anche del “Web Radiocomando” e ti chiedo di inserire nei commenti le domande che vorrete porgli durante l’intervista!
************* Fine aggiornamento del 18/05/2015 ****************